SPECIALE

Un futuro chiaro come Claris.

Grande o piccola che sia, un'azienda che decida di cambiare identità si trova ad affrontare una difficile impresa. Visto il tempo e l'impegno richiesti, è necessario che l'intera visione dell'azienda e quella dei prodotti siano completamente allineate e che tutto il team sia entusiasta e coinvolto nel progetto. Il punto è che non si tratta di una scelta da prendere a cuor leggero, in particolare per quelle aziende che esistono da abbastanza tempo da sapere esattamente a che cosa vanno incontro.

Il nostro marchio, FileMaker, vanta una grande storia. La società ha creato e definito la piattaforma d'innovazione per il luogo di lavoro ed ha raggiunto più di 50.000 clienti e oltre un milione di utenti finali.

Vi era solo un problema: il nome FileMaker, composto da "File" e "Maker", era semplicemente troppo specifico per abbracciare le esperienze dei clienti che intendiamo creare nei prossimi 20 anni.

Per questa ragione abbiamo deciso di scegliere una nuova identità.

Abbiamo scelto il nome Claris per diverse ragioni.

Innanzitutto ci permette di rendere omaggio alla nostra eredità. Nel 1986, Claris è partita come consociata Apple. Nel 1998, la società è stata rinominata FileMaker, Inc. concentrandosi sul suo prodotto principale.

In secondo luogo, Claris è una parola di per sé incisiva, che deriva dal latino "Clarus", ovvero chiaro, brillante e luminoso e la sua origine la rende immediatamente importante a livello globale, per i clienti di tutto il mondo.

In terzo luogo rispecchia il nostro futuro di fornitore multiservizi, riunendo numerosi servizi in un'unica potente piattaforma. Per saperne di più su questa visione più ampia del prodotto, leggete il post di Srini Gurrapu accessibile da qui.

Infine, il nome rispecchia la nostra community. Ho dedicato la mia carriera a mettere gli altri nelle condizioni di lasciare un segno, traendo energia dai risultati che i nostri clienti ricavano con il loro lavoro. Personalmente, la parola Claris mi ricorda la luce chiara che brilla nei cuori della nostra community.

Naturalmente, per dar vita alla nostra visione, avevamo bisogno di un team di collaboratori. Quando alla fine abbiamo intrapreso il nostro viaggio per ridare energia al marchio, avevamo un solo vincolo: avere tutto pronto in tempo per essere svelato in occasione della nostra Conferenza per sviluppatori annuale. L'unico problema era che avremmo avuto solo circa 120 giorni: una tempistica difficilissima da rispettare.

Non ci serviva solo un team creativo di talento, ci serviva il migliore. Fortunatamente, un'azienda di prim'ordine come Siegel + Gale è stata all'altezza del compito. Il team non ha dato niente per scontato, eseguendo ricerche per settimane, seguite da ulteriori settimane di attenta esplorazione. Quindi ha lavorato con il mio team per arrivare al traguardo. Per saperne di più su tutti i retroscena di questo processo, leggete tutto su questo argomento nel blog di Siegel+Gale accessibile da qui.

Alla fine siamo passati da qui:

 

A qui:

 

E questo è solo il primo di molti passi. Con il lancio di nuovi servizi per la nostra piattaforma d'innovazione per il luogo di lavoro, vedrete notevoli modifiche all'aspetto esteriore e allo stile del nostro sito Web, dei materiali di marketing, della UX e di molto altro ancora.

Anche se stiamo aprendo un nuovo capitolo come Claris, quel che più conta *non* cambia: l'impegno verso la nostra community, la nostra missione di dare "potere ai risolutori di problemi" e la nostra visione di un mondo lavorativo definito dalla piattaforma d'innovazione per il luogo di lavoro.

Contatto per la stampa

Lucy Goss

Clarity PR

Lucy@clarity.pr